giovedì 28 agosto 2014

COME SCEGLIERE UN' ATTIVITÀ FISICA?


E' ormai noto da numerosi studi che l'attività fisica regolare diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari e di altre malattie, come per esempio il diabete e l'osteoporosi, e ha un effetto positivo su alcuni aspetti del funzionamento mentale ed emozionale. Come in tutte le forme di cura di sé, tuttavia, l'allenamento fisico richiede equilibrio, costanza e una personale capacità di giudizio per produrre risultati positivi. Il rischio, altrimenti, è quello di seguire le mode, senza occuparsi minimamente di monitorare l'effetto benefico della propria scelta fino a inevitabili dietrofront: <<Da quando non faccio più Pilates la mia schiena sta molto meglio>>, <<ho dovuto smettere di correre per colpa del mio ginocchio>>. Il fatto di "incolpare" parti del nostro corpo come se fossero totalmente estranee al nostro essere, oltre a suscitare un atteggiamento rinunciatario, rispetto allo sport e al movimento, rischia anche di denigrare discipline, come quelle citate che, oltre ad andare di moda, realmente portano benefici a molte persone. Ancora peggio quando il nostro criterio di scelta si basa sui giudizi degli altri: <<per carità, non fare yoga! Alla mia vicina ha fatto venire la cervicale...>> Quante volte mi capita di sentire simili affermazioni, in palestra, nei luoghi pubblici, nelle conversazioni tra amici.
Dunque, se siamo intenzionati a trovare davvero l'attività più adatta alla nostra persona, cosa e come cercare?
Seguire il consiglio di un amico può essere un punto di partenza, se crea curiosità, ma non un criterio di scelta, così come frequentare la palestra sotto casa, per pura comodità.
La cosa migliore, a mio parere, è investire un po' di tempo in questa ricerca: se siamo davvero convinti di iniziare un'attività motoria, attiviamoci! All'inizio dell'anno scolastico numerose palestre e centri sportivi offrono la possibilità di provare delle lezioni. Approfittare di ciò non significa fare delle lezioni gratuite per un mese e poi basta (c'è chi lo fa!) ma può permetterci di scoprire la disciplina che più ci appartiene. Come facciamo a scoprirlo? Una soluzione può essere quella di provare a rispondere a poche e semplici domande come, per esempio: "Mi piace? Come mi sento durante e dopo la lezione? Qual'è il mio livello di motivazione?"
Teniamo innanzitutto presente che nel periodo dell'inizio dei corsi siamo da poco rientrati dalle ferie, durante le quali, avendo la mente più libera di pensare a noi stessi, può nascere il buon proposito di volersi dedicare ad una attività fisica, per far fronte ai cambiamenti dovuti al peso, all'età, o a uno stile di vita sedentario. E' da considerare, però, che durante il resto dell'anno siamo totalmente immersi nel lavoro, spesso fonte di stress, negli impegni familiari, talvolta in imprevedibili problemi e difficoltà che ci riempiono la mente e che minacciano continuamente il nostro equilibrio psicofisico. Tenendo conto di ciò, scegliere l'attività giusta, significa frequentare un corso o praticare anche da soli con costanza un'attività che ci piace, che ci fa stare bene e ci permette di scaricare lo stress quotidiano o addirittura di affrontare le difficoltà in un atteggiamento nuovo. Il livello di motivazione si misura proprio da questo: se permettiamo alla quotidianità di prevalere sull'impegno che attraverso la cura del corpo abbiamo preso con noi stessi, oppure se riusciamo a sfruttare quest'ultimo come strumento per affrontare tutto il resto. Se cominciamo ad inventarci scuse per rimandare, aspettando il momento ideale per riprendere, è probabile che l'attività scelta non sia proprio quella più adatta a noi al momento. L'invito è allora quello di cambiare, riprendere la ricerca di qualche disciplina più rilassante, o più movimentata, o più divertente, o più meditativa, a seconda dei nostri bisogni. Quando troviamo una fonte di benessere e quindi la motivazione vera per perseverare con costanza anche quell'unica ora alla settimana che abbiamo deciso di dedicarci, tutte le altre variabili, come orari e luoghi, passano in secondo piano: posso testimoniare di persone che attraversano la città, o riorganizzano l'intera settimana, spinti da una forte motivazione. 
Una variabile da considerare, invece, qualora la scelta ricada su un'attività di movimento che prevede una guida, è il livello di gradimento e di conseguenza di fiducia nei confronti dell'insegnante. Praticare un'attività che amiamo ma con un insegnante che non ci convince non ritengo possa essere totalmente positivo. Ciò non significa mettere in dubbio la sua professionalità, ma se possiamo scegliere un medico, perché non scegliere anche l'educatore corporeo, attraverso qualsiasi criterio, purché soggettivo? 
Dal punto di vista professionale - e qui mi rivolgo ai colleghi che si occupano di educazione fisica e discipline somatiche - ritengo importante riconoscere con umiltà che ciò che proponiamo non può rispondere ai bisogni di tutti. Detto ciò, dovremmo utilizzare la nostra esperienza sempre e comunque a favore del cliente, attraverso la richiesta e il monitoraggio dei feedback e una visione aperta sull'unicità degli individui e dei loro bisogni che sia superiore ai nostri interessi, affinché la nostra professione possa essere davvero una guida degna di fiducia.
Trovare benessere ed equilibrio è una sfida di tutti i giorni e richiede una ricerca continua. La vita stessa è movimento e attraverso il movimento, quello a noi più adatto, senza nulla escludere, possiamo anche trovare un valido carburante per il nostro viaggio.



Nessun commento:

Posta un commento